Evidenziamo la nota prot. 19540  che detta le disposizioni per l' Integrazione delle graduatorie di istituto del personale docente, cosiddette  Finestre,  in attuazione del DM 3 giugno 2015, n. 326 e in riferimento al  DDG 680 del 6 luglio u.s. in allegato.

Abbracciamo la scuola! Una catena per "abbracciare" simbolicamente la scuola pubblica, e continuare a difenderla da un DDL dannoso ed incostituzionale.

SEGRETERIA NAZIONALE

00153 Roma – Via A. Bargoni, 8 – Tel. 06/58.31.11 – Fax 06/58.817.13
Roma, 9 giugno 2015
Commissione Europea
Direzione Generale Occupazione, Affari sociali e inclusione
B-1049 Bruxelles
BELGIO
Oggetto: denuncia NIF 2010/2014 – precisazioni
La scrivente Segreteria Nazionale della Federazione CISL Scuola, sindacato che organizza il personale della scuola italiana, essendo venuta a conoscenza della risposta da voi formulata rispetto alla denuncia NIF 2010/2014 espressa da un cittadino italiano in merito alla violazione della Direttiva 1999/70 CE, desidera precisare quanto segue.

Sono state aperte il 10 giugno le funzioni di Istanze on line per le domande di scioglimento riserva, inclusione negli elenchi aggiuntivi di sostegno/speciali/metodi differenziati e dichiarazione dei titoli di riserva legge 68/99 (rif. comunicato del 4 giugno u.s.). Le domande potranno essere presentate entrole ore 14.00 del 2 luglio. Evidenziamo:

  • i titoli di abilitazione, sostegno/metodi differenziati e l'invalidità per la riserva dei posti devono essere acquisiti entro il 30 giugno 2015;
  • l'iscrizione nelle liste del collocamento obbligatorio può essere effettuata anche dopo il 30 giugno e entro il 2 luglio 2015, termine di presentazione delle domande.

PROF. FEDERICO DE MARTINO

CISL SCUOLA ALESSANDRIA-ASTI

Scrima: difendiamo la contrattazione e il dialogo sociale


Che il governo punti a sottrarre al contratto, per affidarla alla legge, la regolazione di molte materie riguardanti il rapporto di lavoro non è certo una novità: sono mesi che denunciamo le “invasioni di campo” riscontrabili in più punti delle proposte sulla scuola, su aspetti normativi e retributivi, e la difesa delle prerogative contrattuali  è stata per questo da subito uno degli obiettivi centrali nella nostra mobilitazione.